Menu Chiudi

Rispondi a: Buchi alle orecchie per orecchini: dove, come, quando

#11696 Risposta

Matteo

Ma quante “chicche” escono da questo forum! 🙂
Ecco perché è straordinario, lo dicevo sempre anche a Gina: non solo è un punto di riferimento per dare informazioni utili e aiuto a chi sta pensando di forarsi le orecchie oppure ha qualche problema con i suoi buchi ma è anche una eccezionale serbatoio di testimonianze storiche e di costume che ruotano attorno alla foratura delle orecchie (argomento su cui si scrive assai poco rispetto alla diffusione della pratica e all’importanza personale ed emozionale che ha per chi ne è coinvolto, sia nell’effettuare i fori che nel farseli fare).

Voglio ringraziare Angela e sua mamma per la preziosa testimonianza di una appassionata pioniera della foratura dei lobi che ne aveva intuito le potenzialità già vari anni prima che gli orecchini per lobo forato tornassero prepotentemente alla ribalta (dobbiamo quindi dedurre che in Inghilterra questo è avvenuto prima che da noi?).
Se ti va Angela sarei ancora curioso di sapere come si comportava tua mamma con le bambine: aveva fissato un’età minima per fare i buchi?

E poi voglio ringraziare ancora una volta Valeria per avere scovato addirittura un brevetto del 1880 per una curiosissima attrezzatura per bucare le orecchie! Non ne avrei immaginato l’esistenza. Concordo con Giacomo, l’aspetto di quell’attrezzo doveva fare impressione. In pratica si tirava indietro il pomello e lo si rilasciava, con la molla che spingeva repentinamente il punteruolo attraverso il lobo (oooouch!!!!!). Praticamente serviva a chi non ha una buona mano per fare il buco dritto (ma non è nemmeno detto che la direzione perpendicolare sia quella migliore per tutti i lobi) però poi occorreva comunque estrarre il punteruolo e inserire il vero orecchino. Sono certo che la foratura tradizionale con ago manuale (come in uso nella famiglia di Gina, come Teresa e come ho imparato a fare ancch’io) è molto meno cruenta. Sono pressoché certo che tutto sommato è meno doloroso anche il sistema dell’orecchino d’oro appuntito infilato nel lobo a mano come usava l’orefice che ha bucato i lobi alla mamma di Giacomo nei primi anni ’80.
E invece a Valeria come sono stati fatti i buchi? Immagino con la pistola a scatto, vero? Come si è trovata, che ricordo ne ha?

Saluti e buon fine settimana a tutti
🙂