Menu Chiudi

Rispondi a: Buchi alle orecchie per orecchini: dove, come, quando

#11761 Risposta

Matteo

Ma ciao Teresa, che piacere ritrovarti! 🙂

Sono proprio felice di leggere il tuo messaggio. Ultimamente abbiamo promosso i più moderni sistemi di foratura a pressione con cartuccia sigillata della Inverness e della Studex viste le esperienze positive che ci hanno raccontato coloro che li hanno provati (ultime in ordine di tempo Desiree e la sua mamma) però fa gran piacere constatare che grazie a persone come te (anzi, mi ci metto anch’io e dico come noi) la vecchia “scuola tradizionale dell’ago”, come la definiva Gina, continua a tenere botta!

Bello pensare a una mamma e una figlia (come ci ha raccontato Desiree) che condividono assieme l’esperienza dei fori ai lobi ma il caso di una nonna e di una nipote, anche se a distanza di tre giorni una dall’altra, è ancora più particolare: la sorella di Carla ha battuto di due anni il “record” della settantenne zia di Gina come “non tanto bambina a farsi i primi fori”: giustamente non è mai troppo tardi per decidere di mettersi gli orecchini 🙂

Teresa, se non ricordo male (vado a memoria) nelle vacanze natalizie saranno due anni da quando hai fatto i buchi alle amiche Carla, Stella e Marida e quindi da quando ci siamo conosciuti su questa pagina. Ti ringrazio per i complimenti ma verso di te Teresa ho sempre tanta gratitudine perché qualche trucchetto del mestiere per migliorare la mia tecnica l’ho “rubacchiato” anche da te o comunque me l’hai ispirato. Tu ormai hai bucato i lobi delle orecchie ad almeno tre generazioni di amiche e conoscenti, grande Teresa! Come forse avrai letto quest’anno mi sono cimentato per la prima volta con la parte cartilaginosa dell’orecchio facendo ad Antonella il buco nella parte alta dell’orecchio sinistro utilizzando un ago cannula ed è stato un successo (vanno messi in conto tempi di guarigione decisamente più lunghi che per il lobo), invece in questi giorni eseguirò per la prima volta, sempre usando l’ago cannula, il foro al naso della figlia della nostra vicina di casa che me lo chiede da almeno due anni ma che fino ad ora avevo sempre rinviato perché volevo raccogliere sufficienti informazioni ed essere ben sicuro di quel che facevo. Adesso è arrivato il momento, sono un po’ teso al pensiero però mi sento di farlo. La cosa particolare è che sarà il primissimo buco per questa ragazza che (per ora?) non ha nemmeno i fori tradizionali ai lobi. Comunque ho già deciso che non mi cimenterò con altri tipi di piercing che non siano orecchio e al massimo naso (proprio perché quest’ultimo ha parecchia similitudine con la cartilagine dell’orecchio). Queste cose mi piace molto farle per parenti, amiche o conoscenti che me lo chiedono ma per me non immagino certo una carriera da “piercer” di professione.

Tantissimi cari Auguri di Buone Feste a te e alle tue amiche Carla, Stella e Marida!