Menu Chiudi

Rispondi a: Buchi alle orecchie per orecchini: dove, come, quando

#11250 Risposta

Matteo

Grazie! La mia cuginetta poi è proprio carina coi lobi impreziositi da quelle piccole stelline d’oro che le hanno regalato papà e mamma, cioè era una ragazzina carina anche senza ma vi assicuro che ora il suo viso ha una luce speciale! Sarà che desiderava tanto avere gli orecchini e i genitori l’anno fatta pazientare parecchio prima di concederglieli, sarà che aver fatto i buchi l’ha resa anche orgogliosa e più consapevole di se stessa perché le è stato riconosciuto che sta diventando grande.
Ho iniziato a bucare le orecchie per caso, per fare un favore a mia madre ma adesso posso dire che quando mi viene chiesto lo faccio con grande piacere. Ho scoperto che la tradizione di farsi praticare il foro ai lobi delle orecchie è un momento veramente speciale e memorabile nella vita di ogni giovane donna (come ci hanno dimostrato le “ragazze” del gruppo folcloristico non è mai troppo tardi per essere giovani!) e che gli orecchini non sono un gioiello qualsiasi ma possiedono peculiarità emotive del tutto particolari sia per il ricordo del “rito di passaggio” della foratura, sia perché mettere gli orecchini (a differenza dei piercing) è una tradizione antica che si tramanda di madre in figlia e che unisce idealmente le generazioni.
Infatti ho bucato le orecchie a due ragazzine ed è difficile dire chi fosse più emozionata fra la ragazzina e la sua mamma… che rivive attraverso la figlia un episodio ancora vivo nella sua memoria! Trovo tutto questo molto bello ed io, da maschio, non l’avrei immaginato. Considero un privilegio poterne essere parte e mi farebbe piacere che me lo chiedessero ancora in futuro.

Sarebbe bello se le tre amiche Carla, Marida e Stella tornassero a raccontarci come si trovano e come ci si vedono con gli orecchini!

Ciao e a presto 🙂