Commenti traslocati da vecchio post [fori ai lobi per orecchini]

Taggato: 

  • Questo topic ha 679 risposte, 1 partecipante ed è stato aggiornato l'ultima volta 3 anni, 6 mesi fa da Maria Teresa.
Stai visualizzando 15 post - dal 481 a 495 (di 680 totali)
  • Autore
    Post
  • #11659 Rispondi
    Giacomo (wx1.org)
    Amministratore del forum

    Ciao Matteo, come va Antonella? Procede bene l’ultimo foro?

    Quando stavamo andando al negozio mi ricordo che ha detto che l’orecchino pendente slancia il viso quando è tondo, l’effetto è circa come quello quando una donna si mette un vestito lungo con i tacchi alti. La pettinatura anche fa molta differenza, infatti, lei porta i capelli racconti quindi l’orecchino spicca ancora di più. Appena ho l’occasione le chiedo.

    Anche la bellissima Grace Kelly mi pare che non avesse i classici fori ai lobi in alcune foto di gioventù ma portava le clip: https://goo.gl/j3Qzn8
    Stessa cosa per la nostra Loren https://goo.gl/u3FKQS
    La Lollobrigida invece mi sembra li avesse i fori https://goo.gl/uS7hiU
    Forse per le attrici era anche più rigorosa come regola ma non tutte la rispettavano.

    Ciao!

    #11660 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Giacomo, che occhio! 😉 complimenti, sono interessantissime le foto delle belle tre attrici del passato che hai messo, davvero! A me piace molto il cinema anche del passato (ho la fortuna di avere un papà appassionato che ha accumulato negli anni una quantità di cassette vhs prima e di dvd poi) ma sinceramente questi dettagli io non li notavo proprio. Ho iniziato a farci più caso assieme ad Antonella quando abbiamo cominciato a parlare anche di orecchini (come sai per anni non sapevo nemmeno che lei ne era così appassionata, tutto è iniziato quando mia madre mi ha chiesto di rifarle i buchi e ho scoperto questa pagina creata da Gina) ed infatti proprio lei mi aveva fatto notare il dettaglio degli orecchini a clip di Audrey Hepburn che stonava con la sua bellezza ed eleganza raffinata, almeno visto con gli occhi di oggi.
    Ciò che volevo dire nell’altro post sulle perle di cui si nota più la molletta della clip che la perla stessa (spesso mal posizionata sul lobo) è chiarissimo nella foto che hai messo di una bellissima Grace Kelly (tra l’altro si vede benissimo che lei ha ispirato le fattezze della bella Eva Kant nei fumetti di Diabolik) con quel dettaglio così stonato degli orecchini a clip: pensa quanto le avrebbe donato una perla, magari leggermente più piccola, inserita al centro del lobo forato! Sarebbe stato il complemento perfetto di tanta bellezza ed eleganza.
    Invece la Lollobrigida ha un lobo evidentemente forato quando era ancora molto piccola perché se noti il buchino non è ben centrato ma troppo alto (l’orecchio cresce e il buco non sempre resta dove dovrebbe ma in certe zone d’Italia c’era la tradizione di fare i buchi ancora da neonate) ma credo che quei fori non li abbia mai usati perché nei vecchi film raramente usava orecchini mentre in età più matura la ricordo sempre con enormi (e pacchiani) orecchini a clip che le coprivano tutto il lobo.
    Sofia Loren invece si direbbe che davvero non aveva i buchi (oggi spesso nei primi piani delle foto delle attrici anche i buchi per orecchini vengono cancellati con Photoshop ma a quell’epoca non c’era questa possibilità) ma ho il dubbio che se li sia poi fatti fare più in là negli anni perché in tanti film mi sembra di ricordarla con orecchini leggermente pendenti tipo monachelle, però dovrei controllare meglio.

    Oggi ci sembra strano che donne così belle scadessero su un dettaglio poco elegante come l’orecchino a clip pinzato su un lobo non forato (che poi dicono che le clips erano anche fastidiosissime da portare) ma è evidente che un tempo la moda era quella, le donne preferivano evitare di farsi fare i buchi (solo alcune li avevano se erano stati imposti in tenera età dai loro genitori per tradizione locale o di famiglia). Da ciò che mi ha raccontato mia madre la sua è stata la prima generazione dopo tanti anni in cui le ragazze sono tornate a farsi bucare le orecchie ma l’hanno scelto già da adulte. Poi nella generazione di poco successiva, quella di tua mamma, ormai si sceglieva di fare i buchi da molto giovani (bambine preadolescenti) ma come scelta consapevole, come le ragazzine continuano a fare oggi… anche se il “club delle non tanto bambine a farsi i primi fori” continua ad esseer più numeroso di quel che si potrebbe immaginare a prima vista 😉

    Ti ripeto che il discorso della scelta della forma degli orecchini rispetto a forma del viso e capelli è molto interessante per cui se ne parli con la tua ragazza potrebbe uscirne un bello spunto per chi passa di qua a leggere. Se lei porta i capelli raccolti gli orecchini risaltano molto e cambiano tanto il modo di percepire il viso. Personalmente amo i capelli raccolti e mi piace che Antonella in questo periodo li sta portando così per lasciar guarire bene il nuovo forellino e anche (giustamente) perché le piace metterlo in evidenza.

    Il nuovo buchetto nella cartilagine di Antonella sta guarendo molto bene, nessun problema a parte che come ben sapevamo la guarigione e le cure sono più lunghe rispetto ai fori nei lobi e la zona forata resta molto sensibile a lungo, per cui meglio non appoggiarsi e toccarla con molta delicatezza. Però il risultato è ottimo e Antonella ne è molto soddisfatta e contenta (ed io lo sono per lei 🙂 ).

    Ciao Giacomo e buon weekend a te e alla tua ragazza
    A presto
    🙂

    #11661 Rispondi
    Giacomo (wx1.org)
    Amministratore del forum

    Idem 🙂 anche nella mia famiglia il cult occupa un grosso spazio in videoteca.
    Le clips di solito sono sempre strane da vedere a meno che non si tratta di orecchini pacchiani, come hai detto, che coprono tutto il lobo e non se ne parla più.

    Si, li ricordo anche io quelli pendenti della Loren, ma purtroppo nelle scene non ci ho mai prestato tanta attenzione e in altri film ha i capelli sciolti e le orecchie neppure si vedono. Questa foto è forse di dieci o quindici anni fa, non si vede molto bene ma sembrano ancora senza foro https://goo.gl/smxCCc
    Sicuramente il pensiero sulla moda dell’epoca era quello, faceva chic l’orecchino a clip e scandalo quello con il foro. Stai a vedere che tra qualche decennio si cambia di nuovo 😆

    Le ho chiesto sabato sera. Pare che nasca tutto da un consiglio di sua madre, spero lo metta per iscritto come l’ho pregata di fare, così posso incollarlo qui.

    Benissimo, procede tutto a meraviglia allora, contento anche io per voi ragazzi. Addirittura è ancora indolenzito, ammirevole la pazienza che ha chi si sottopone a questo tipo di foro.

    Ricambio i saluti!

    #11662 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Ciao Giacomo 🙂

    E così si scopre che in entrambe le nostre famiglie c’è questa (bellissima) passione per i classici del cinema!!!
    Anche io prima non ci facevo mai caso, anche nella foto più recente che hai linkato la Loren sembrerebbe sempre senza fori però è una foto troppo sgranata per dirlo con certezza. Ma è sicuro che la Loren per tanti anni sulla scena ha messo orecchini che dovevano sembrare di quelli a buco e invece erano a clips ma fatti in modo da ingannare a prima vista. Ho controllato con attenzione dal dvd del film “Una giornata particolare” (di Ettore Scola girato nel 1977 ma ambientato nel 1938) dove ero sicuro che la Loren aveva orecchini a monachella e effettivamente facendo attenzione noti che non sono monachelle ma piccole clip a cui è attaccata la parte pendente che simula un orecchino a monachella e se non ci fai proprio attenzione non lo noti, invece a uno sguardo più attento ti accorgi che lo snodo dell’orecchino non dovrebbe esserci perché esso dovrebbe pendere interamente dal foro dove è agganciato… solo che la Loren non aveva i fori!

    Da ciò che mi ha raccontato mia madre non è che gli orecchini a buco “facessero scandalo” (le donne di una certa età li avevano e li usavano e continuavano ad essere utilizzati anche in ambienti sociali in cui era rimasta la tradizione, ad esempio qui al nord nelle campagne e in molte zone del sud Italia) ma tra il dopoguerra e la fine degli anni ’70 erano considerati roba del passato (incredibile vero?) mentre le clips, poiché non richiedono foratura, sembravano moderne!
    Hai ragione, è sempre strano l’effetto che fanno gli orecchini a clip specialmente nei modelli che imitano i tradizionali per lobo forato: queli con clip sembrano orecchini “finti” e non danno certo un’impressione di eleganza.
    Non credo che fra qualche decennio la moda cambierà di nuovo: secondo me l’eccezione è stata l’infatuazione per le clips durata qualche anno. Poi improvvisamente quasi tutte sono corse a farsi i fori, anche quelle che da giovani non li avevano avuti. Magari tra qualche decennio saranno fuori moda tanti tipi di piercing ma nella storia gli orecchini (per lobo forato) sono sempre stati un classico e bene o male si useranno sempre perché indubbiamente donano un tocco di eleganza e di femminilità a cui poche donne rinunciano.

    E’ vero, il foro nella cartilagine per guarire bene richiede grande cura e dedizione, molto più di quanto richiedono i semplici fori nei lobi. Anche io trovo ammirevole Antonella per la pazienza che ha. Del resto lo sapeva bene a cosa sarebbe andata incontro eppure lo stesso era così determinata a farselo fare! Devo dire però che le sta davvero bene, ora che l’ha fatto (anzi: ora che gliel’ho fatto) anche a me piace molto… e poi come ho già detto a me piace quando porta i capelli raccolti 😉

    Sarebbe bello e interessante se la tua ragazza ha voglia di scrivere un piccolo contributo sulla scelta degli orecchini in base al viso, ovviamente se ne ha voglia. Anche sua mamma quindi ha la passione per gli orecchini?

    Buona settimana Giacomo e… a presto 🙂

    #11663 Rispondi
    Maria Teresa
    Amministratore del forum

    Ciao Ragazzi! 🙂
    Ho letto e apprezzato molto i post di Giacomo e di Matteo sugli orecchini di famose e bellissime attrici del passato che non avevano i buchi ai lobi, il che oggigiorno può apparirci strano ma per un periodo effettivamente la moda ha imposto la presunta “modernità” delle clips, come dimostra anche mia suocera che i buchi se li è finalmente fatti solo di recente a ben 67 anni ed a quanto pare nella sua generazione non è l’unica ad essersi decisa molto tardi dopo una vita di orecchini con clip.
    A questo proposito vorrei citarvi qualche passo scelto dal libro sui gioielli intitolato ironicamente “Sotto i tre carati non è vero amore” di Paola Jacobbi che a riguardo degli orecchini scrive:

    “Non c’è immagine che rappresenti meglio la femminilità di una donna alle prese con gli orecchini. In particolare quando se li sta togliendo. Inclinate leggermente la testa, scuotete un po’ i capelli, metteteci un po’ di malizia e sarà come fare uno strip tease senza mettere in mostra null’altro che un lobo o due. (….) Per le donne, sono stati a lungo la perfetta metafora del detto «Chi bella vuole apparire, molto deve soffrire» (….) È solo da un secolo o poco più che viene inventata la chiusura a clip che consente, finalmente, anche a chi non ha il lobo forato di portare gli orecchini. La clip è una novità talmente apprezzata, un segno di progresso civile, che negli anni Cinquanta e Sessanta le signore borghesi non indossavano altro, giudicando l’antica usanza [cioè quella di farsi praticare il foro nei lobi] arretrata, da contadini. Ma la controtendenza è durata poco. La moderna clip, almeno secondo la mia esperienza, ha uno svantaggio non da poco: gli orecchini si perdono più facilmente. (….) Oggi, di nuovo, è difficile trovare ragazze che non abbiano almeno i due fori d’ordinanza”

    Un bacio da Maria Teresa

    #11664 Rispondi
    Stefania
    Amministratore del forum

    Ciao Maria Teresa e ciao a tutti 🙂 Ogni tanto torno qui e vi leggo volentieri. Però non sono tanto d’accordo, spero mi perdonerete se sono un po’ bastiancontraria 😉 Mi riferisco al rapporto femminilità e orecchini, citato dal passaggio del libro da MariaTeresa: ve la sentireste di sottoscrivere che non c’è niente di più virile in un uomo che annodare la cravatta? io no! perché un conto è il dato biologico un conto il dato sociale. E, scusate, ma gli orecchini sono assolutamente sociali. Quindi sono femminili in questa società e oggi: convenzione, cultura. Secondo me le donne sono già fin troppo condizionate socialmente per doversi preoccupare anche delle convenzioni relative alle loro orecchie (ok, fine della tirata femminista) 🙂 Quindi viva le attrici senza buchi, viva le signore chic di una volta che considera(va)no i buchi una barbarie e viva tutte le donne che se ne fregano degli orecchini, perché un lobo non bucato non ha proprio niente che non va, anzi è perfetto già così perché in quel modo siamo nate. Già.. perché le bambine non nascono con la gonna e gli orecchini… ok, mi sa che sto diventando di nuovo femminista. Io dico: portiamo i razzi su Marte e non sappiamo trovare il modo di appendere un orecchino senza bucare il lobo? siamo seri, il fatto è che non lo vogliamo trovare questo modo, e infatti anche l’equazione bellezza=sofferenza non mi va. Non sono esperta ma la filosofia livello base vuole che bello=buono, quindi in bello=dolore c’è qualche trucco nascosto che già a spanne non mi piace. Infatti ho una proposta impossibile: che tutte le ragazze attendano almeno la maggiore età prima di fare i buchi, perché sia una loro scelta per sé stesse e non una convenzione o, peggio, un’imposizione. Lo so, impossibile, ma secondo me solo questa sarebbe libertà, non rovinata dall’ansia di piacere agli altri, di farlo perché lo fanno tutti o da altre convenzioni (“fori d’ordinanza”:che brutta espressione, come donne dobbiamo essere in divisa da donna??).
    Ciò detto (sperando di non avere offeso o irritato nessuno, se fosse così mi scuso, non voglio essere polemica ma solo offrire qualche spunto) io i buchi li ho, ma non mi sento più donna o più femminile rispetto a quando non li avevo.
    Colgo anche l’occasione per ringraziare Maria Teresa della segnalazione degli orecchini per doppi buchi, mi piacciono molto personalmente, devo solo accertarmi che la spaziatura vada bene per la distanza tra i miei buchi e poi li metterei volentieri.
    Scusate la lunghezza del messaggio. Un saluto a tutti, Stefania

    #11665 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Ciao Maria Teresa e ciao Stefania 🙂

    Che spunti di discussione interessanti! Maria Teresa, L’estratto dal libro che hai postato ha sollevato un vespaio (nel senso buono del termine ovviamente 😉 ). Stefania, sono sempre molto stimolanti le riflessioni che nascono dai tuoi interventi sempre così “fuori dal coro” (perché hanno il grande pregio di sfatare tanti luoghi comuni).

    Posto che Stefania ha scritto la sua opinione personale mentre Maria Teresa ha postato una citazione (che probabilmente condivide) da Paola Jacobi, per quanto mi riguarda devo dire che trovo elementi di accordo e di disaccordo con entrambe. Parto dal disaccordo: beh, anche io come Stefania ho trovato terribilmente inopportuna la definizione “i due fori d’ordinanza”. Perché i fori alle orecchie non dovrebbero mai essere “d’ordinanza”: farsi bucare i lobi dovrebbe essere un piacere per la persona che ha scelto di potersi mettere gli orecchini ma questo può avvenire soltanto se la decisione è una libera scelta e non un “obbligo sociale” perché così si deve fare, perché tutte le persone di sesso femminile devono avere almeno un foro per lobo. Eh no, qui sono d’accordo con Stefania: se non è un TUO desiderio quello di poterti mettere gli orecchini ne puoi fare benissimo a meno. Avere gli orecchini non è di vitale importanza. Non averli non rende certo la donna meno femminile! Gli orecchini sono un accento in più con cui giocare per esprimere la propria personalità ma non necessariamente tutte si sentono a proprio agio con lo stesso tipo di ornamenti e se con gli orecchini non ti ci vedi perché mai dovresti farti fare i buchi?

    Avendo forato le orecchie a tante persone di ogni età posso dire tranquillamente che per nessuna delle persone a cui ho fatto i buchi quei forellini erano “d’ordinanza” perché per ciascuna quella di mettersi gli orecchini è stata una decisione personale importante, bella ed emozionante (come direbbe Gina: “unica”), un momento che si ricorda con piacere anche a distanza di tempo. Ciò è possibile se la decisione di poterti mettere gli orecchini risponde a un tuo desiderio, non certo se è l’adempimento burocratico fastidioso ma che deve esser fatto perché così vogliono le convenzioni sociali. Ci sono tanti motivi per cui sono nettamente contrario a mettere gli orecchini alle bimbe quando sono ancora troppo piccole per decidere ma è solo un desiderio dei genitori (in genere della mamma) oppure è usanza culturalmente imposta. Uno dei motivi è che i fori fatte da piccole facilmente non sono più ben centrati quando si diventa grandi e anche il lobo dell’orecchio cresce ma il motivo principale di contrarietà è che sul proprio corpo bisognerebbe avere la possibilità di decidere individualmente e i genitori dovrebbero capire che le orecchie delle loro bambine non sono una loro proprietà ma sono, appunto, delle loro bambine. E poi imporre i buchi quando la bimba è piccola significa negarle il piacere di decidere da sola quando sarà più grande e, nel caso, l’emozione di mettere i primi orecchini.

    E ora vengo ai punti in cui sono in disaccordo con Stefania: aspettare i diciott’anni prima di consentire la foratura dei lobi è una provocazione intelligente di cui colgo perfettamente il senso ma la trovo eccessivamente drastica: come genitore concederei gli orecchini quando la ragazzina (o eventualmente anche il ragazzo) dimostra convinzione nel proprio desiderio. Così come sono contrario ad imporre gli orecchini in tenera età trovo quasi altrettanto sbagliato negarli quando il desiderio è convinto.

    Poi sono in disaccordo con Stefania anche per quanto riguarda la supposta necessità di trovare un “modo di appendere un orecchino senza bucare il lobo”. Quel modo ci si è scervellati per trovarlo: prima con i morsetti a vite detti “all’americana”, poi con le clips (entrambi i sistemi brutti da vedere eststicamente, malsicuri nel fissaggio e terribilmente scomodi da portare) e infine con gli orecchini a calamita (esteticamente non distinguibili da quelli per lobo forato ma sempre scomodi da indossare e facili da perdere). Poi c’è l’intelligente metodo proposto in questi commenti da Annina (strass tipo swarovski fissato al lobo con colla cosmetica per ciglia) che imita un orecchino a perno (non altri tipi di orecchino), è bello da vedere, è comodo da indossare ma è solo una soluzione temporanea “usa e getta”. Alla fine il lobo forato si impone sempre (è tornato anche dopo la parentesi delle clip – ben descritta nel libro citato da Maria Teresa – negli anni ’50 e ’60 e sicuramente anche gran parte dei ’70 stando a quanto racconta mia mamma) e si impone perché è nettamente la soluzione più pratica, versatile ed estetica per indossare gli orecchini. Dirò di più: gli orecchini stessi sono concettualmente inscindibili dall’idea di foratura del lobo perché, se si eccettuano i grandi (e pacchiani) orecchini a clip che coprono l’intero lobo, tutti gli orecchini con sistemi di sostegno alternativi (a morsetto, a molletta, a calamita…) sono concepiti per mimare l’esistenza di un foro anche se in realtà non c’è perché intendono dare l’illusione di trapassare il lobo anche si limitano a pinzarlo (con risultati inevitabilmente goffi rispetto ai modelli corrispondenti per lobo forato). Qui lancio la mia di provocazione: non è forse IPOCRITA considerare “un segno di progresso civile” il non farsi forare i lobi delle orecchie ma poi appendersi lo stesso ai lobi degli aggeggi che fanno di tutto per evocare più fedelmente possibile (anche se con goffaggine estetica e con fastidio per chi li indossa) l’aspetto di un ornamento che trapassa un lobo forato?

    Dico anch’io assieme a Stefania: “viva le attrici senza buchi, viva le signore chic di una volta che considera(va)no i buchi una barbarie e viva tutte le donne che se ne fregano degli orecchini, perché un lobo non bucato non ha proprio niente che non va”. Ma c’è un però. Lo dico se le attrici e tutte le signore (e ragazze) di una volta e di oggi non hanno i buchi perché non sono interessate a mettersi gli orecchini però, sinceramente, dico anche “evitate gli orecchini a clips!” perché una Audrey Hebburn o una Grace Kelly (limitandomi a due esempi di attrici di cui si è già parlato) sarebbero state maggiormente valorizzate da lobi lasciati nudi piuttosto che da una perla fissata in una posizione improbabile del lobo mediante una (brutta) clip che risulta persino più evidente della perla stessa. Sono scusate soltanto dalle convenzioni e dal conformismo dell’epoca (ripeto per Stefania: negli anni ’50 e ’60 era un dettame della moda e una convenzione sociale evitare di forare i lobi, non una libera scelta delle donne!) perché, oggettivamente, la stessa perla centrata perfettamente al centro del lobo forato avrebbe valorizzato degnamente la loro indubbia bellezza! La mia personale opinione è che una donna può benissimo fare a meno degli orecchini però se sceglie di metterseli forare i lobi è di fatto la scelta obbligata perché l’orecchino a clip mi dà un’idea di sciatteria.

    Infine vengo al fattore “dolore” connesso alla foratura dei lobi. E’ vero che i fori alle orecchie, logicamente, non sono mai del tutto indolori qualunque metodo si utilizzi per eseguirli ed io, avendone eseguiti molti, posso assicurare che mi sono sempre posto questo problema migliorando nel tempo la mia tecnica in modo da minimizzare il più possibile il disagio momentaneo di chi si fa forare (poi c’è anche il disagio del successivo indolenzimento e della cura dei fori nei primi tempi) però posso dire per esperienza, avendo vissuto questo momento con le mie “pazienti” di diverse età, che: 1) quando la persona è fortemente determinata e ha voglia di mettersi gli orecchini il fattore dolore passa nettamente in secondo piano rispetto alla soddisfazione di fare qualcosa di bello per sé, e 2) proprio perché l’applicazione degli orecchini implica una (piccola) “modifica” all’orecchio che li dovrà accogliere, la decisione di farsi forare i lobi sottoponendosi a un vero e proprio “rito di passaggio” che ti permetterà finalmente di indossare gli orecchini fa parte del fascino tutto particolare di questa tipologia di gioielli (chi ricorda la prima volta che ha indossato un braccialetto o una collana? i primi orecchini invece sono indimenticabili), di solito il momento della foratura dei lobi viene vissuto con grande emozione da chi vi si sottopone (e di conseguenza anche da chi la esegue) e con grande soddisfazione finale… e di solito ne resta un bellissimo ricordo. Per le ragazzine è un’affermazione di indipendenza che fa sentire più grandi, per le donne che scelgono di forarsi i lobi più in là nel tempo è la soddisfazione di sentirsi più belle anche dopo aver superato antiche remore. Comunque è un bel momento, nonostante quel po’ di doloretto che comporta, se vissuto nel modo e con l’atteggiamento giusto. Perché Stefania vorresti eliminarlo? E poi, parlando di dolore, vorrei farti notare che tu stessa hai voluto ignorare il consiglio di farti fare i doppi buchi in due riprese e hai voluto farteli eseguire assieme: tua decisione, è a tua indipendenza! 😉 E mi pare che ne sei soddisfatta. Evidentemente visto il risultato ne valeva la pena nonostante il dolore indubbiamente maggiore che hai dovuto sopportare.

    Spero di non avere esagerato nella lunghezza e di non essere stato troppo noioso… vi ringrazio per la pazienza se mi avete letto fin qui 😉

    …e naturalmente vi auguro buon fine settimana!

    P.S.
    A parte rarissime occasioni in cui non si può proprio evitare non porto la cravatta. Faccio però notare (con un po’ di disappunto) che vi sono luoghi e situazioni in cui la cravatta è d’obligo per gli uomini mentre non mi risulta che per le donne vi sia alcun obbligo di orecchini e, generalmente, le donne hanno un “dressing code” molto più libero del nostro anche nelle occasioni più formali e ufficiali 😉

    P.S. n° 2
    Anche ad Antonella piacciono tanto gli orecchini per doppio buco proposti da Maria Teresa ma il dubbio è sul materiale. Maria Teresa, in un commento qui sotto che forse ti è sfuggito avevo chiesto come ti trovi con il materiale (argento dorato) di questi di Pinjeas perché se non sbaglio anche tu sei allergica a determinati materiali e Antonella patisce anche determinati tipi di argento e placcature non del tutto nickel-free.
    Stefania, da ciò che ho capito dalla descrizione di Maria Teresa gli orecchini per doppio buco sono abbastanza malleabili da poter essere adattati a qualsiasi distanza tra i due fori quindi dovrebbero essere adatti anche ai tuoi lobi.

    #11666 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Aggiungo a quanto già scritto in risposta a Maria Teresa e Stefania (vedi qui sotto): mi ero dimenticato di dire che, anche se non ci avevo mai riflettuto esplicitamente (grazie Maria Teresa per avercelo fatto notare) anche io trovo che ci sia un che di sexy in una donna che si toglie gli orecchini. Però non lo definirei mai uno strip-tease perché non mi piacciono le pose né i gesti studiati (e sforzati) per apparire seduttive ma il semplice gesto naturale di inclinare leggermente la testa e sfilarsi con delicatezza, uno dopo l’altro gli orecchini è comunque bello da vedere.

    Poi mando un saluto a Giacomo, sperando di leggere magari anche la sua opinione su tutta questa discussione 😉
    …e buon weekend a tutti!

    #11667 Rispondi
    Maria Teresa
    Amministratore del forum

    Ragazzi, praticamente mi avete distrutto la “mia” Jacobbi !!! 🙂
    Stefania, sei stata tremendamente efficace a smontare ciò che mi sembrava arguto e invece visto da un’altra prospettiva ti rendi conto che le cose che si danno per scontate tanto scontate poi non sono. Avete ragione che “due fori d’ordinanza” a ben rifletterci è una definizione proprio infelice. Però per ciò che riguarda la decisione di farsi fare i buchi e sull’emozione di quando vai a farteli fare io la vedo come Matteo che avendo bucato molte orecchie mi sembra davvero entrato profondamente nello spirito della cosa. Anche secondo me la necessità dei buchi aggiunge agli orecchini un fascino particolare che gli altri gioielli non possiedono. Quando vai a farti bucare le orecchie è una cosa emozionante di cui poi ti resta un bel ricordo ed è vero anche se hai provato del dolore. Lo dico con cognizione visto che io stessa quando mi sono fatta rifare i primi buchi con l’ago dall’estetista ho dovuto patire parecchio: ribucare su una vecchia e spessa cicatrice come quella che mi aveva lasciato internamente al lobo il primo fallimentare tentativo di foratura (a pistola) aveva reso il tutto piuttosto doloroso ma ugualmente ne ho un bel ricordo perché ero emozionata all’idea di potermi mettere gli orecchini che pensavo di non poter più indossare e inoltre l’estetista che mi ha proposto di rifare i buchi con l’ago è stata professionale ma anche simpatica e di gran supporto. Quando mi sono fatta fare sempre da lei anche i secondi buchi ho sentito molto meno dolore ma è stato ugualmente emozionante, bello anche averli fatti assieme a un’amica e avere condiviso una bella esperienza. Il tipo di contatto umano con chi ti fa i buchi però è importante per vivere una bella esperienza infatti a questa estetista io ho indirizzato altre persone tra cui mia suocera e tutte ne sono rimaste entusiaste.
    Do ragione a Matteo anche sugli orecchini a clips. Forse è esagerato dire che sono “ipocriti” ma a me sono sempre sembrati come degli orecchini finti e comunque non abbelliscono un viso e non hanno la delicatezza che possono avere i modelli per lobo forato.
    Adesso però sono curiosa anch’io di leggere pure l’opinione di Giacomo.

    PER STEFANIA E MATTEO
    Sugli orecchini da doppio buco confermo che la “V” si può allargare o stringere facilmente (più facile se ti fai aiutare da un’altra persona) per adattarli alla distanza dei due fori quindi cara Stefania dovrebbero andar benissimo anche sui tuoi lobi.
    Matteo ricordi perfettamente, io ho problemi di allergia al nichel da cui il disastro del mio primo tentativo di bucare i lobi a pistola. L’argento di solito non mi crea problemi ma evito di comprare orecchini da poco prezzo sulle bancarelle. Questi qua di Pinjeas non mi creano problemi. Non posso garantire al 100 percento per i lobi di Antonella ma penso che non dovrebbero darle fastidio.

    Baci da Maria Teresa

    #11668 Rispondi
    Giacomo (wx1.org)
    Amministratore del forum

    Prima di scrivere, ho atteso che la mia ragazza trovasse il tempo per buttare giù qualche riga sulle ragioni della sua scelta degli orecchini in base alla forma del viso. Incollo sotto, me l’ha inviato dal telefono.

    **********

    Una sera di alcuni anni fa mia madre si stava togliendo gli orecchini davanti lo specchio della consolle. Io stavo lì a bighellonare, avevo finito i compiti e non avevo altro da fare. Lei mi vede nel riflesso dello specchio che la sto osservando e mi fa un sorriso mentre io le chiedo se gli orecchini che indossava sono pensanti. Si tratta di un antico paio di orecchini con la pietra taglio baguette, pesanti per me solo a vederli ed erano lunghi alcuni cm. Lei mi dice di no se li indossa per poche ore. Poi ne avvicina uno al mio viso, ero lì in piedi ad ammirarli un po’ chinata in avanti, e mi dice che ad un viso tondo gli orecchini lunghi sono bene accompagnati. Finisce che me li provo e mi specchio, mia mamma mi tiene su i capelli e in quel momento mi sembrava di essere molto più grande. Mi stavano molto meglio dei punto luce che indossavo tutti i giorni.
    Un po’ di giorni dopo faccio una ricerca online, scopro che è un’opinione comune che per i visi come il mio sono preferibili pendenti, per i visi ovali, come quello di mia madre, stanno bene tutti i tipi, cerchietti, perline, punti luce, pendenti, per un viso quadrato sono meglio intonati i cerchi, anche quelli più grandi del solito. Ma alla fine penso che ognuno può indossare l’orecchino che preferisce, quello che le piace di più quando si specchia. Io ho scoperto che mi piaccio di più con i pendenti ma non evito di mettere anche altri modelli.
    Giacomo mi sta facendo tante domande sugli orecchini che quando l’ho raccontato alle mie amiche mi hanno detto che è più unico che raro, però credo proprio che non è così, ce ne sono di ragazzi affascinati dagli orecchini e da come appaiono sui lobi delle donne.
    -Valeria-

    #11669 Rispondi
    Giacomo (wx1.org)
    Amministratore del forum

    Ciao Maria Teresa, Stefania e Matteo,

    Scusate se non ci sono stato in questi giorni.
    Mi ritengo del tutto imbranato a dare opinioni visto che sono un estimatore solo esteriore degli orecchini ma spezzo una lancia in favore della scrittrice, per fori “d’ordinanza” intendeva forse la consuetudine dei due forellini comuni, ha solo scelto un termine che dà un’impressione autoritaria. La penso come voi, i fori non devono mai essere un obbligo altrimenti che piacere c’è a farli? Tutto quello che è imposto non lascia mai un bel ricordo.

    L’estate di tre anni fa andai con i miei negli Stati Uniti per una vacanza, ho visto una ragazza che portava questi orecchini: https://goo.gl/we2j7U l’immagine non rende benissimo, erano un pochino diversi nei miei ricordi ma il sistema di incastro sopra l’orecchio era il medesimo credo, ce l’ho avuta davanti sul bus per molto tempo e da dietro si vedeva bene quella specie di archetto tipo asticella di occhiali.

    Saluti!

    #11670 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Eh si, proprio così Giacomo: avere i lobi forati non è e non deve essere un obbligo per nessuna donna e SCEGLIERE di mettersi gli orecchini deve essere un piacere, non un supplizio che si accetta per uniformarsi a una norma.

    Credo anch’io che la scrittrice abbia scritto “d’ordinanza” per alludere a quanto comune sia tornata ad essere la pratica dei fori ai lobi delle orecchie però proprio perché si tratta di una persona che scrive per mestiere la scelta di una terminologia dal sapore “autoritario” (fuori luogo) è più difficile da scusare 😉

    Interessante il tipo di orecchino che hai visto a quella ragazza negli USA. Credo si possa classificare come un “ear cuff” ma non ne avevo mai visti fatti così perché di solito gli ear cuff avvolgono l’elice, questi invece si appoggiano proprio come una stanghetta degli occhiali, come hai notato tu. Al di là dei gusti (si tratta certamente di un orecchino molto vistoso e “impegnativo” da indossare) trovo bello il fatto che pur trattandosi di un orecchino pendente e pur non essendo necessari fori per indossarlo, al contrario dei modelli con clip questo non prova a mimare l’aspetto di un classico orecchino per lobo forato ma è qualcosa di completamente differente.
    Grazie Giacomo per averlo postato. Si vede che sei un attento osservatore: sempre più convinto che Gina ha scelto davvero bene decidendo di affidare proprio a te questa pagina!
    🙂

    #11671 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Grazie per le informazioni Maria Teresa, però vorrei provare a chiedere all’orafo di fiducia di mia mamma se può realizzare gli orecchini per doppio foro come quelli che ci hai mostrato tu (gli stamperò proprio la foto che hai postato) però in oro per poterli regalare ad Antonella ed essere sicurissimi che non le procureranno reazioni allergiche.

    Maria Teresa, sei la dimostrazione che se una persona ci tiene veramente tanto a potersi mettere gli orecchini farsi fare i buchi è comunque un piacere nonostante l’eventuale dolore. Per fortuna delle mie “pazienti” non mi è mai capitato di forare su un esito cicatriziale importante come è stato nel tuo caso (quando ho rifatto i buchi a mia mamma abbiamo scelto di collocarli in un’altra posizione ben centrata perché quelli originali erano troppo bassi) però posso immaginare che per te non è stata esattamente una passeggiata. Però ne hai lo stesso un bel ricordo e ne sei rimasta molto soddisfatta. Merito anche della bravura (non solo tecnica ma anche umana) della tua estetista/piercer.

    Ciao, a presto 😉

    #11672 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Caro Giacomo, grazie a te e grazie soprattutto alla tua Valeria (e anche alla sua mamma!) per questo bellissimo contributo. 😉

    Interessante e a ben pensarci assolutamente condivisibile la logica con cui la mamma di Valieria le ha insegnato a capire quale tipo di orecchini fanno risaltare al meglio il suo visetto tondo. Spesso si dice che un paio di orecchini non si adatta ad un viso senza sapere bene il perché. In effetti è vero: il viso ovale si adatta a qualsiasi tipo di orecchini mentre per un viso tondo i pendenti di foggia allungata aggiungono delicatamente un elemento di verticalità che valorizza moltissimo l’insieme. A dimostrazione di quanto gli orecchini, se scelti con gusto, possono rivelarsi un elemento decisivo nel look di una persona, dato che vanno a caratterizzare il suo viso.

    Dopo aver letto Valeria mi permetto di aggiungere che così come il viso ovale può accogliere virtualmente qualsiasi foggia di orecchini, vi sono due tipologie di orecchini che possono essere indossate indifferentemente con visi di qualunque forma perché sono del tutto “neutri” e non ne condizionano la percezione: sono gli orecchini molto piccoli a centrolobo (tipo punto luce, a pallina d’oro o perlina molto piccola) e i cerchietti del tipo più piccolo e fine (quelli in semplice filo d’oro o solo leggermente più spessi ma di minimo diametro) che non sporgono molto dal lobo (al conrario, dei cerchi medi o medio-grandi che non si addicono ai visi tondi).

    Infine volevo dire una cosa sui ragazzi e uomini affascinati da come appaiono gli orecchini sui lobi delle donne. Anche io penso che molti tra noi li apprezzano però io per primo, fino a quando non ho iniziato per caso a forare i lobi (quando mia madre mi chiese di rifarle i buchi e poi dopo anche Antonella coi secondi fori e così via per passaparola), non mi ci ero mai focalizzato in particolare e non avevo mai avuto né cercato l’occasione di parlarne con Antonella. Quando l’ho fatto ho capito che si trattava di un argomento affascinante ed ora gli orecchini sono sempre un elemento che noto in particolare. Ma ho avuto modo di notare che spesso ragazzi e uomini apprezzano moltissimo gli orecchini ai lobi delle loro compagne (e anche figlie) e amano regalare orecchini. Credo che noi ragazzi abbiamo qualche remora a parlarne con le ragazze perché non ci sentiamo ferrati quanto loro ma è sicuro che quando lo facciamo e mostriamo interesse di solito alle ragazze fa molto piacere,

    A presto Giacomo, Mando un caro saluto a Valeria… ringraziala anche da parte mia 😉

    #11673 Rispondi
    Giacomo (wx1.org)
    Amministratore del forum

    Doveva farlo leggere a qualche amica e forse le avrebbe consigliato di cambiare parola. Non ho mai letto di questa scrittrice e non saprei se è tipico del suo modo di scrivere oppure è solo presente in quella frase. Maria Teresa ci saprà dire.

    Forse non si può neanche chiamare orecchino, è parecchio strano, assomiglia proprio a quel tipo di cuffietta. Sono molto vistosi. Di niente, sono molto curioso per natura, mi è tornato in mente osservando gli occhiali di papà che ho qui sotto al naso, li lascia ovunque e poi si mette a cercarli per tutta casa 😆
    Grazie, felice di essere qui, è un piacere leggervi tutti 🙂

   
Stai visualizzando 15 post - dal 481 a 495 (di 680 totali)
Rispondi a: Risposta #11670 in Commenti traslocati da vecchio post [fori ai lobi per orecchini]
Le tue informazioni: