Commenti traslocati da vecchio post [fori ai lobi per orecchini]

Taggato: 

  • This topic has 679 risposte, 1 partecipante, and was last updated 1 anno, 6 mesi fa by Maria Teresa.
Stai visualizzando 15 articoli - dal 511 a 525 (di 680 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #11689 Rispondi
    Eliana
    Amministratore del forum

    Non sono io Ela
    Frequento tutto il blog da un po’ di anni, è molto interessante la varietà di argomenti che tocca e il modo in cui gli autori si danno un gran da fare per rispondere a tutti. Questa pagina la seguo a distanza, non sono una gran fan degli orecchini ma adoro leggere le vostre storie.
    Ciao 🙂

    #11690 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Eliana, felice di averti conosciuta! 🙂
    Avevo sempre sospettato che questa pagina fosse letta da molte più persone di quelle che ci scrivono ma non immaginavo che ci fosse qualcuno che la segue per il piacere di leggere, senza avere interesse per gli orecchini (ma non ti piacciono su di te o in generale?).
    Hai ragione, questo blog è un posto speciale nel web: autori e curatori preparati, simpatici, sempre pronti a rispondere con grande gentilezza su qualunque argomento. Si crea subito un bel clima tra tutti i frequentatori. L’ho scoperto per caso solo nella primavera del 2015 proprio grazie a questa bellissima pagina creata da Gina. Mi ero perso la favola ed è stata una bellissima scoperta: ancora grazie di averne parlato con Giacomo! 🙂

    Ciao

    #11691 Rispondi
    Eliana
    Amministratore del forum

    Piacere mio 🙂
    Credo che siamo in tanti a sbirciare senza scrivere, già.
    Io non li porto, li portavo da molto piccola ma poi ho fatto chiudere i buchi per sempre, scelta dei miei non mia U_U
    Figurati, la penso allo stesso modo. Oggi è difficile trovare un posto sul web dove ci sono persone gentili e sempre pronte a dare una mano, come fai anche tu e tutte le ragazze e donne che scrivono qui.
    Ciao.

    #11692 Rispondi
    -.-=dark_angel=-.-
    Amministratore del forum

    Ciao Matteo!
    Non sono “dark” infatti, il nick deriva dal mio vero nome e cognome e la grafia un po’ “gotica” è un ricordo del mio nick di fine anni novanta quando chattavo su IRC nei gruppi dedicati a role-play gaming.
    Guarda, io ho sempre avuto ammirazione per mia mamma e per chi come te è capace di bucare le orecchie ad un’altra persona (se non fosse per le persone come voi non sarebbe possibile per nessuno mettersi gli orecchini) però io penso anche che è come un “dono” che qualcuno ha e qualcun’altro no, proprio come quello di fare il medico o professioni infermieristiche. La maggioranza delle persone non ne avrebbe mai il coraggio però si mette con fiducia nelle vostre mani! In negozio mia madre ha avuto nel tempo 3 commesse e nessuna di loro ha voluto imparare a forare i lobi, non se la sentivano.
    Credo che la tua fidanzata per i suoi primi buchi abbia avuto la sfortuna di farli quando tutti si improvvisavano perforatori di orecchie anche senza avere la devozione per la clientela che aveva mia madre che infatti se ne lamentava: alle volte le capitava di rifare i buchi a clienti che avevano già fatto un primo tentativo andato male. Il problema è che la maggior parte delle persone non sono sensibili a nikel e leghe metalliche troppo “economiche” e quindi andava tutto bene anche se i buchi erano stati fatti con orecchini foralobo non originali e di scarsa qualità però le magagne saltavano fuori quando si presentava la cliente a cui facevano reazione e per questo invece mia madre ci stava molto attenta. Oggi per fortuna ci sono regolamentazioni più severe e infatti molti negozi hanno smesso di fare i buchi e rinviano la clientela verso le farmacie.
    Purtroppo mia madre cessò l’attività 12 anni fa quando le piccole profumerie di quartiere sono state messe fuori mercato dalle grandi catene di profumeria.
    Hai notato bene: nel suo negozio mia madre ha iniziato a fare buchi alle orecchie 2 anni prima che nascessi io, nel 1974. Lei è convinta di essere stata la prima in Italia a usare la pistola per bucare i lobi ma onestamente di questo non c’è certezza. Di sicuro è stata una delle primissime. Le ho proprio chiesto apposta prima di tornare a scrivere e mi ha raccontato che la prima pistola foralobi la fece arrivare apposta dall’Inghilterra ed era di marca Caflon: l’aveva vista per la prima volta a Londra l’anno prima quando si era fatta bucare le orecchie lei stessa durante il viaggio di nozze e ne era rimasta entusiasta. All’inizio la cosa era vista con molto scetticismo dalla clientela, c’era la locandina esposta in vetrina ma solo poche ragazze “avventurose” entravano in negozio per farsi bucare i lobi spesso con lo scopo di potersi mettere degli orecchini d’oro ereditati da una persona cara, l’assortimento di bijoux per lobo forato era scarso vista la poca richiesta, negli anni settanta effettivamente imperversavano gli orecchini a clips. Tutto è cambiato alla fine degli anni settanta quando i lobi forati sono tornati di moda anche da noi in Italia spinti da attrici, donne di spettacolo e modelle delle riviste ed il negozio di mia madre è diventato proprio un punto di riferimento per ragazze e donne di ogni età. Era un vero “terreno vergine”, la maggior parte delle donne non avevano i buchi oppure se li facevano rifare visto che quelli ricevuti quando erano bambine li avevano lasciati chiudere. Mia madre ricorda che nella prima metà degli anni ottanta c’erano giorni in cui faceva i buchi anche a sette-otto persone di ogni età! Ad un certo punto tutte le donne che non li avevano ancora se li facevano fare, in più si aggiungono quelle che sceglievano di farsi un secondo o un terzo foro e i ragazzi che si mettevano l’orecchino con l’idea di apparire più trasgressivi. Mia madre ha cambiato due volte la pistola: prima la Bergeon (che ricordo anch’io) e infine la Studex. Una curiosità: quando il grossista le portava la pistola nuova lei si faceva spiegare il funzionamento facendosio fare un nuovo buco sulle sue orecchie, infatti ha 3 coppie di buchi che utilizza tuttora a 66 anni, con piccolissimi brillantini bianchi nelle due coppie di buchi oltre i due classici. Le stan bene e sono caratteristici di lei, poi ci è affezionata.
    E’ vero che i buchi fatti a pistola venivano reclamizzati come “indolore” anche se non lo erano. La locandina della Bergeon aveva proprio scritto “foro istantaneo e indolore” ma già il fatto che fosse “istantaneo” e il dolore da sopportare molto breve era attrattivo per la clientela (alcuni orefici bucavano a mano direttamente con un orecchino appuntito e così faceva molto più male) comunque mia madre è sempre stata molto onesta e non ha mai detto che “non si sente niente”. Altri negozi avevano provato il ghiaccio spray per anestetizzare un poco il lobo ma non era una buona soluzione, anzi pare che svanito l’effetto del freddo il senso di indolenzimento che si sentiva dopo era ancor più fastidioso.
    Questo è tutto. A mia mamma comunque ha fatto davvero tanto piacere raccontarmi e ricordare affinché io potessi scrivere qui la sua “memoria storica”.
    Grazie.

    Angela

    #11693 Rispondi
    Giacomo (wx1.org)
    Amministratore del forum

    Ciao Angela 🙂 grazie per averi raccontato la tua storia e quella del negozio di tua madre, è bello leggere queste testimonianze anche dalla parte di chi eseguiva i fori negli anni passati. Se non è stata la prima è stata sicuramente tra i primi.
    Valeria, la mia ragazza, mi ha parlato dell’antenata della pistola che poi si è usata da noi dagli anni settanta in poi, che risale al 1880. Non sarei stupito di vederla in un museo https://goo.gl/15Z6hW ma non oso pensare alla faccia di chi se la trovava davanti quando doveva farsi i fori alle orecchie, quella specie di punteruolo doveva impressionare.

    ps: Ciao Matteo! Grazie per aver letto quella storiella e per le tue parole nel commento sotto, ricambio i saluti a te e Antonella.

    #11694 Rispondi
    Giacomo (wx1.org)
    Amministratore del forum

    Grazie infinite anche a te Eliana e alle tue parole gentili nel commento sotto 😀 sono commosso. Rispondo tardi perché devo ancora riprendermi dalla devastazione dell’uscita dai Mondiali, ma ce la farò entro la fine del 2018.

    #11695 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Coraggio Giacomo, siamo in tanti a doverci riprendere da quella batosta… ma ce la faremo!!! 🙂

    #11696 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Ma quante “chicche” escono da questo forum! 🙂
    Ecco perché è straordinario, lo dicevo sempre anche a Gina: non solo è un punto di riferimento per dare informazioni utili e aiuto a chi sta pensando di forarsi le orecchie oppure ha qualche problema con i suoi buchi ma è anche una eccezionale serbatoio di testimonianze storiche e di costume che ruotano attorno alla foratura delle orecchie (argomento su cui si scrive assai poco rispetto alla diffusione della pratica e all’importanza personale ed emozionale che ha per chi ne è coinvolto, sia nell’effettuare i fori che nel farseli fare).

    Voglio ringraziare Angela e sua mamma per la preziosa testimonianza di una appassionata pioniera della foratura dei lobi che ne aveva intuito le potenzialità già vari anni prima che gli orecchini per lobo forato tornassero prepotentemente alla ribalta (dobbiamo quindi dedurre che in Inghilterra questo è avvenuto prima che da noi?).
    Se ti va Angela sarei ancora curioso di sapere come si comportava tua mamma con le bambine: aveva fissato un’età minima per fare i buchi?

    E poi voglio ringraziare ancora una volta Valeria per avere scovato addirittura un brevetto del 1880 per una curiosissima attrezzatura per bucare le orecchie! Non ne avrei immaginato l’esistenza. Concordo con Giacomo, l’aspetto di quell’attrezzo doveva fare impressione. In pratica si tirava indietro il pomello e lo si rilasciava, con la molla che spingeva repentinamente il punteruolo attraverso il lobo (oooouch!!!!!). Praticamente serviva a chi non ha una buona mano per fare il buco dritto (ma non è nemmeno detto che la direzione perpendicolare sia quella migliore per tutti i lobi) però poi occorreva comunque estrarre il punteruolo e inserire il vero orecchino. Sono certo che la foratura tradizionale con ago manuale (come in uso nella famiglia di Gina, come Teresa e come ho imparato a fare ancch’io) è molto meno cruenta. Sono pressoché certo che tutto sommato è meno doloroso anche il sistema dell’orecchino d’oro appuntito infilato nel lobo a mano come usava l’orefice che ha bucato i lobi alla mamma di Giacomo nei primi anni ’80.
    E invece a Valeria come sono stati fatti i buchi? Immagino con la pistola a scatto, vero? Come si è trovata, che ricordo ne ha?

    Saluti e buon fine settimana a tutti
    🙂

    #11697 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Ti capisco Eliana, farsi fare i buchi alle orecchie (o non farli perché non se ne sente il desiderio) deve essere una libera scelta e sinceramente non vedo il senso di imporli in tenera età quando c’è tutta una vita di tempo per decidere se si desidera averli o no.
    Non sei la prima che conosco a cui gli orecchini sono stati imposti da bimba e che poi invece se ne è liberata come di un peso.

    Per me poter aiutare chi scrive qui è un piacere, proprio perché c’è quel bel clima cordiale e collaborativo promosso da chi cura il sito. E poi questo sito, grazie a Gina che ha creato questa pagina, mi ha aiutato molto (ho trovato le info necessarie per forare le orecchie a mia mamma quando me l’ha chiesto e ancora non sapevo nulla sull’argomento) così se posso è bello poter restituire un po’ di ciò che ho ricevuto.

    Ciao Eliana e buon fine settimana
    🙂

    #11698 Rispondi
    Matteo
    Amministratore del forum

    Giacomo, volevo poi dirti che la favola scritta da Gina e Pippo è piaciuta molto anche ad Antonella ma non solo: l’ha apprezzata tantissimo anche la sua nipotina di 8 anni… mi sono permesso di dirle che quel Giacomo io lo conosco per davvero ed è un mio amico… ed è vero! 😉

    Ciao, ti mando i saluti di Antonella anche per la tua Valeria
    🙂

    #11699 Rispondi
    Eliana
    Amministratore del forum

    Più della metà della gente che conosco è ancora sotto shock, non sei l’unico Giacomo, tieni duro.
    Ciao!

    #11700 Rispondi
    Eliana
    Amministratore del forum

    Poter scegliere se e quando è la cosa migliore, condivido assolutamente. Purtroppo a volte i genitori danno troppe cose per scontate.

    E lo stai facendo in modo grandioso Matteo, sei molto caro con tutte quante qui, complimenti! Saluti anche a te alla tua Antonella!
    Ciao! 🙂

    #11701 Rispondi
    Giacomo (wx1.org)
    Amministratore del forum

    Onorato di essere considerato tuo amico 😉 un abbraccio alla bimba!

    Ricambio i saluti a te e Antonella!

    #11702 Rispondi
    Giacomo (wx1.org)
    Amministratore del forum

    Ci provo, teniamo duro e ce la faremo 🙂

    #11703 Rispondi
    -.-=dark_angel=-.-
    Amministratore del forum

    Ciao Matteo, Ciao Giacomo! Aggiungo anche ciao Valeria, ho trovato interessantissimo quel brevetto per rudimentale apparecchio fora-lobi del 1880, ne ho parlato anche con mia madre e nemmeno lei ne sospettava minimamente l’esistenza anche se ne ha subito individuato la scarsa utilità tranne che per fare il buco dritto come aveva già notato Matteo. Non oso immaginare quelle povere donne che l’hanno sperimentato sui propri lobi delle orecchie ma del resto se quel tipo di strumento non ha poi avuto diffusione ci sarà pure un motivo.
    Devo correggere una cosa che avevo affermato perché ne ho riparlato proprio stasera con mia madre: lei non afferma di essere stata la prima in Italia a bucare i lobi con la pistola, nessuno può dire con certezza se già altri ne avevano ordinata una dall’Inghilterra all’inizio degli anni settanta. Però è sicura di esser stata la prima a proporre i buchi fatti a pistola qui a Vercelli e mi ha raccontato che dopo due o tre anni che aveva iniziato a farli si era sparsa la voce ed erano addirittura venute un paio di signore da Milano apposta per farsi bucare le orecchie da mia madre! Ciò significa che fin tanto che la richiesta di fare i buchi non aveva ancora veramente ripreso piede persino a Milano era ancora difficile o impossibile trovare chi te li faceva e sicuramente non ancora usando la pistola.
    Poi rispondo a Matteo che mi chiedeva se mia madre aveva stabilito un limite di erà per bucare le orecchie alle bambine. La risposta è sì! Si è sempre rifiutata di forare bambine piccole, questo lo ricordo bene anch’io perché a volte venivano in negozio mamme (specialmente d’origine sudamericana o dell’Europa dell’est) che chiedevano di fare i buchi a una neonata per usanza dei loro paesi d’origine ma lei non glieli faceva se non era proprio un desiderio espresso dalla bambina e quindi non prima dei cinque-sei anni almeno. Però mi ha raccontato stasera che almeno fino alla metà degli anni ottanta la richiesta di fare i buchi arrivava raramente da ragazze al di sotto dei quattordici-quindici anni e la richiesta era più frequente da venticinque-trentacinquenni al passo con le ultime tendenze della moda o da signore anche più in la con gli anni che sceglievano di forarsi i lobi per potersi mettere orecchini d’oro o preziosi senza rischiare di perderli a causa della fermatura a clips o anche semplicemente per maggior comodità. Poi col tempo l’età dei primi buchi si è man mano abbassata e le bambine già durante le elementari hanno iniziato a volere i buchi per gli orecchini vedendoli alle sorelle maggiori, alle mamme e infine alle stesse compagne di scuola. Negli ultimi anni che mia madre ha avuto il negozio l’età più comune per le bambine che chiedevano i primi buchi s’era abbassata attorno a otto-nove anni o anche prima.
    Mia madre si ricorda perfettamente della prima cliente che nel 1978 le ha chiesto di farle un secondo buco sul lobo affianco di quello classico. Quella ragazza originale è poi diventata una cliente fissa del negozio e nel corso degli anni ottanta i secondi o terzi buchi da stravaganza sono poi diventati una.consuetudine molto diffusa che come avevo già scritto anche mia madre ha seguito per se stessa (si faceva aggiungere un buco ogni volta che cambiava la pistola con un nuovo modello) al contrario di me che ho solo i due fori tradizionali. Per molto tempo come numero di richieste prevaleva l’asimmetria (fori in numero diverso tra le due orecchie) viceversa negli ultimi anni le clienti richiedevano di più la simmetria quando si trattava di secondi o terzi buchi. Rarissime volte le è capitato di fare un quarto buco al lobo perché pochi lobi hanno lo spazio per effettuare più di tre fori in linea senza toccare la cartilagine e mia madre non forava la cartilagine perché gli orecchini bucaorecchie da applicare a pistola erano prescritti soltanto per la parte “molle” del lobo, viceversa si sconfina già nel bodypiercing ed è tutta un’altra storia. Comunque negli ultimi anni aveva parecchie richieste (non esaudite) da clienti che desideravano farsi bucare la parte alta dell’orecchio, il trago ed anche il naso. In realtà mia madre aveva anche acquistato gli orecchini appositi per bucare il naso ma poi non ha mai offerto davvero questo servizio perché non si sentiva sicura, a differenza dei lobi sui quali aveva tantissima esperienza.
    Credo di avervi raccontato proprio tutto ma se avete altre curiosità domandate pure. Mia madre è stata felice di dialogare con me su questo argomento che le ha riportato tanti ricordi belli.
    Ah…..ho letto anch’io la favola di Giacomo questa sera prima d’iniziare a scrivere e l’ho trovata molto carina quindi complimenti anche da me a chi l’ha scritta!

    Angela (e la sua Mamma)

   
Stai visualizzando 15 articoli - dal 511 a 525 (di 680 totali)
Rispondi a: Commenti traslocati da vecchio post [fori ai lobi per orecchini]
Le tue informazioni: